Perché non prendere in braccio il cane.

Il Pastore di Beauceron
7 aprile 2019
L’importanza delle regole per il cane: fondamento per regalargli calma e serenità.
14 maggio 2021

Perché non prendere in braccio il cane.

Iniziamo subito quest'articolo con: No!!! I cani NON amano essere abbracciati, baciati e presi in braccio. Possiamo riassumere il prendere in braccio come un maltrattamento etologico, maltrattamento inteso come trattare non in modo consono il nostro cane. Per cui senza creare nessuna diatriba, il punto principale da focalizzare è: abbracci e baci NON fanno parte del repertorio etologico del cane. La carezza è riconducibile al leccamento, un gesto materno per il benessere dei cuccioli, l'abbraccio invece è un gesto che il cane può interpretare come dominante o aggressivo in casi specifici, mentre il bacio viene percepito come un'invasione del proprio spazio intimo, e infine, l'abbraccio viene interpretato come un gesto di dominanza estrema un impedimento nei movimenti, di comunicazione e di autodifesa. Se va bene (sarcasmo) mette il cane in ansia, questo discorso è valido per cani di 50 kg come quelli che ne pesano 2. Logicamente per facilità quest'ultimi sono quelli che sono più abbracciati e presi in braccio, da un recente sondaggio i "Mini-Cani" sono scelti da soggetti umani con un forte impulso epimeletico, che ci spinge ad accudire e coccolare qualunque cosa abbia l'aspetto di un neonato. Ma i cani NON sono bambini, i cuccioli non sono neonati umani, e nei canidi non esistono le stesse manifestazioni di affetto che si trovano nei primati.
Man holding his dog in his arms
cane-uomo
La mamma cane non abbraccia i suoi cuccioli, per cui il cane non riconosce quel gesto come affettivo, ed impiega del tempo per capire che per noi umani lo è, e dopo? Dopo si rassegna, nella maggior parte delle situazioni sopporta senza provare nessun piacere. Se potessimo sintetizzare un suo pensiero “Perché mi tratta da primate se io non lo sono?” Senza togliere un grande particolare, secondo un recente studio il 18% delle aggressioni di un cane avvengono durante le coccole. Per fare un esempio, un cane che non sopporta di essere lavato, capisce che bisogna farlo, ma non per questo è felice di farlo. Diciamo anche che se scappa un bacio o un abbraccio non succede nulla, basta che non diventa abitudine, altrimenti sì, assomiglia ad un maltrattamento etologico, quanto la famosa frase “Lo tratto come un figlio” Questo è un esempio “duro” ma rende l’idea: chi prende calci un cane o lo picchia di continuo è consapevole di essere nel torto, a meno che non ci arrivi intellettualmente. I cosiddetti Sbaciucchiatori, abbracciatori di cani, al contrario, sono ben convinti di fare del bene al loro amico: pensando di proteggerlo, accudirlo o trattarlo come un figlio, ma non si rendono conto che creano cani “Umanizzati”, disadattati e spesso, purtroppo, infelici. L’Amore per il cane si può racchiudere in una sola parola, RISPETTO, il rispetto per ciò che un cane è, e non per quello che noi immaginiamo sia. Concludendo, i cani limitiamoci ad accarezzarli, perché la carezza la capiscono

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »